Pietra naturale Pop: la social housing dello Studio Perraudin Architecture

L’utilizzo della pietra naturale nell’architettura residenziale è da sempre associato ad un tenore di vita agiato e in parte è vero: dai palazzi nobiliari, alle ville palladiane fino alle dimore hollywodiane questo materiale si presta a vestire e simbolizzare il lusso.

Tuttavia la pietra naturale è anche una risorsa estremamente efficiente dal punto di vista energetico e, se utilizzata con intelligenza, può essere più economica del cemento.

A dimostrarlo è la social housing dello Studio Perraudin Architecture, un complesso di edilizia residenziale sociale progettato e realizzato vicino a Tolosa per dimostrare che:

  • la pietra vera si adatta anche ad un budget limitato;
  • l’attenzioni ai costi non pregiudica requisiti rigorosi di risparmio energetico;
  • “tutto ciò che è costruito oggi potrebbe essere costruito in pietra”.

Le murature

Situato alla periferia di Cornebarrieu come parte di un nuovo quartiere residenziale, l’edificio è interamente realizzato con murature portanti in pietra calcarea: ogni blocco è stato estratto, dimensionato e numerato in cava per essere poi trasportato e assemblato in cantiere, utilizzando nient’altro che un sottile letto di malta di calce.

Oltre a dare la possibilità di riciclare i blocchi una volta che l’edificio avrà esaurito la sua funzione, i muri portanti in pietra forniscono un sistema di climatizzazione naturale che assorbirà l’umidità e il calore in eccesso rilasciandolo gradualmente. 

I particolari

Anche gli elementi della facciata sono tutti in pietra naturale: le aperture che sono formate da archi piatti con chiavi in ​​pietra; le perforazioni per le condotte e la discesa dell’acqua piovana; i davanzali; le cornici che proiettano la pioggia oltre il perimetro dell’edificio, fungendo allo stesso tempo da binario di guida per le persiane e gli sporgenti corsi che segnano i confini tra i piani e contribuiscono a dirigere l’acqua piovana lontano dalle finestre.

In tutto l’edificio le superfici in pietra sono lasciate al naturale così come il larice, utilizzato per porte, infissi e persiane: entrambi si arricchiranno con i segni de tempo portando un valore aggiunto che solo i materiali vivi possiedono.

Tutto ciò che è costruito oggi potrebbe essere costruito in pietra

Terminata in anticipo e rispettando il budget, la social housing dello Studio Perraudin realizza un’architettura in pietra contemporanea e connessa alle esigenze più concrete del costruire: durata, estetica, qualità ambientali e strutturali dei materiali utilizzati.

Un risultato ancora più significativo se consideriamo che l’edificio ha già più di dieci anni: nominato per il Premio dell’Unione Europea per l’Architettura Contemporanea Mies van der Rohe Award 2013, l’Equerre d’Argent 2011, ha infatti vinto il Prix Développement Sustainable – Concours d’architecture Pierre Naturelle 2011.

A dimostrazione che con il giusto progetto, la pietra naturale ha davvero una potenzialità infinita e può soddisfare ogni esigenza in termini di design, costo, biocompatibilità e sostenibilità.

Qualunque sia la vostra, venite a trovarci in showroom: valuteremo insieme come realizzare lo spazio che desiderate!

Ti potrebbe piacere anche:

V-Box: per fare un muro scenografico basta un mucchio di pietre naturali!
Versatili e intimamente connessi al luogo, i gabbioni in acciaio riempiti con pietre naturali sono resistenti ecosostenibili e hanno grandi possibilità espressive nel contemporaneo.
Voglia di giardino: novità e consigli per il vostro outdoor
La voglia di giardino incontra la bellezza della natura spontanea, l’attenzione all’ambiente e la gratificazione di avere uno spazio unico e personale in cui raccogliere una piccola produzione coltivata con le proprie mani.
Casa Green? ne abbiamo parlato con Sonia Melli, guida per privati – e non solo – nella bioedilizia!
Una casa green garantisce qualità di vita, risparmio energetico e rispetto dell’ambiente senza rinunciare a personalizzazione, funzionalità ed estetica.