Trends Tour 2024: la pietra naturale raccoglie il concept e la mission dell’interior design più attuale
materiali, colori e personalizzazione: i trend 2024 per l'interior design

L’architettura e l’interior design sono importanti perché definiscono lo stile e il nostro modo di vivere sia nel nostro privato sia come parte della società di cui riflettono i cambiamenti, le nuove sensibilità, le diverse esigenze.

Quali sono i punti fermi del 2024? Abbiamo selezionato le considerazioni sull’argomento di alcuni tra i più quotati interior designer a livello mondiale.

materiali, colori e personalizzazione: i trends 2024 per l'interior design
Materiali naturali

Eleganti ed eterne, le pietre naturali offrono la possibilità di investire su un’estetica che ha nell’unicità il suo più grande valore: con la loro sola presenza danno carattere a ogni ambiente.

Secondo l’interior designer Beatriz Silveira che ha concepito uno degli spazi più eleganti e accoglienti di Casa Decor 2023 anche nel 2024 non ci sono dubbi

Le pietre naturali sono le protagoniste della casa, per tutte le superfici: per rivestire caminetti, pavimenti, dettagli di mobili, ecc. Soprattutto il marmo e la pietra calcarea che offrono texture calde e piacevoli, ottenendo allo stesso tempo effetti unici per creare nelle nostre case atmosfere accoglienti
Marmi e pietre calcaree saranno protagoniste tra i materiali del 2024
Dettagli artigianali e pezzi unici

La ricerca di esclusività si riflette anche nella predilezione per l’autenticità e il “fatto a mano”: le piccole imperfezioni e l’estetica su misura danno il senso del divenire, conferendo ulteriore carattere e unicità all’arredo di casa.

Un esempio su tutti, i battiscopa in pietra calcarea che proprio l’interior Beatriz Silveira ha realizzato in ogni ambiente del nuovo attico di Tamara Falcó, celebrity spagnola che vive a Madrid.

Mixing Textures

Trionfano nel 2024 le finiture tattili che raccontano con grazia il trascorrere del tempo: tessuti artigianali, pietre naturali con texture materiche e legni di recupero rubano definitivamente la scena alle superfici nuove e lisce per l’effetto che regalano all’intero ambiente.

Secondo Alfredo Paredes affermato interior designer internazionale che ha collaborato a lungo come direttore creativo nel retail e residential design del gruppo Ralph Lauren e arredato le dimore di personaggi celebri tra cui Cindy Crawford e George Clooney,

La sottile raffinatezza di (questi) materiali mescolati in una stanza dà vita ad un interno accogliente, che una volta realizzato risulta essere più convincente di quanto appare in fase di progettazione.
Il 2024 premia materiali naturali, dettagli artigianali e pezzi unici totalmente su misura
Design Local

Vicky Charles è una designer di interni statunitense specializzata in case appartenenti a VIP come quelle di Harry Styles e Meghan Markle. A questo proposito afferma

I miei interni preferiti sono quelli che mi collegano al luogo in cui mi trovo: spesso questo avviene attraverso l’artigianato e i materiali locali. Quando attingi dal territorio, attingi a secoli di esperienza di ciò che funziona in quella particolare area, e questo si riflette nei materiali. I pavimenti di recupero non saranno mai sbagliati così come il rispetto dell’architettura dell’impronta creativa originarie.

Quindi via libera alle ristrutturazioni, al recupero dell’esistente oppure all’inserimento di materiali locali anche non creati ex novo, ma rigenerati sartorialmente per renderci sempre più connessi con la nostra storia e i nostri luoghi.

Natura e sostenibilità

Trait d’union di tutti i punti precedenti, il bisogno di integrare la natura nelle proprie case si conferma di grande tendenza.

Il verde inteso come stile di vita per portare benessere e respiro indoor si declina attraverso l’impiego di materiali sostenibili ed eco-friendly.

Mai come ora è in atto un’esplorazione della profonda connessione tra natura e materia per rendere l’acquirente consapevole, coinvolgerlo e mettere in risalto la sostenibilità come principio guida e valore nel processo creativo e nella realizzazione.

La natura entra in casa attraverso materiali green che si posano su pavimenti e pareti o danno vita a complementi d'arredo materici e unici
Palette cromatiche

Chiudiamo il nostro viaggio nelle tendenze dell’anno da poco iniziato con i colori e anche in questo caso saranno le tonalità più naturali ad avere la meglio!

Marrone: il nuovo neutro

Il marrone si sta ritagliando un posto di rilievo tra i colori neutri. Rispetto a questa gamma cromatica a privilegiarlo è il tocco di calore e personalità che porta a differenza di nuance come il grigio o il tortora pur mantenendo un altrettanto ampia libertà di abbinamento.

Terracotta: il re dei colori iconici italiani

Color designer, docente in diverse università italiane e estere, Francesca Valan è anche tra i fondatori del Gruppo del Colore, Associazione Italiana per la promozione della cultura del colore e non ha dubbi:

Il terracotta è un colore mondiale, forse l’unico capace di unire paesi e culture con un linguaggio universale: quello delle sfumature della terra. Colore senza tempo tanto necessario in questo momento per non restare imprigionati nell’altalenanza delle mode, il terracotta offre sicurezza, solidità e calore e cambia, proprio come la terra, dal giallo al rosso. il terracotta un colore mondiale, forse l’unico capace di unire paesi e culture con un linguaggio universale: quello delle sfumature della terra.
Green therapy: dal verde al blu

Verde salvia, marble green, deep sea, wild Rosemary e iron side: la palette dei verdi si ispira al mondo vegetale, ma include uno spettro cromatico che si amplia ai blu freschi e ai grigi tenui, al cielo e al mare.

Limitless: la nuova nuance di Pantone che ricorda il Travertino

Non è un giallo, ma porta gioia e luminosità in casa. Non è un marrone, ma sarà comunque super gettonato perché può essere facilmente abbinato ad un’ampia gamma di colori dai terra ai blu e ai verdi. È una nuance tra il burro e il miele che incarna meravigliosamente le sfumature del travertino. E come questa pietra è calda e vibrante. Se ve lo state chiedendo, il suo nome è dovuto alla capacità di essere sia un colore primario sia un tono neutro offrendo infinite possibilità per interni ed esterni residenziali e commerciali.

Tenue, sofisticato, calmante e allo stesso tempo inedito, Limitless rappresenta l’apertura mentale e il desiderio di sperimentare nuove sfumature all’interno della propria casa sempre in direzione di spazi accoglienti in cui stare bene.

Se volete che anche i vostri lo siano seguite il consiglio di Jeremiah Brent, ultimo, ma non meno famoso interior designer di questo articolo

Quando il design è personalizzato, è senza tempo. Gli interni riguardano la tua storia, come vivi e ciò che ami.

Vi aspettiamo in showroom per progettare e dare vita ad ambienti che parlano di voi!

Ti potrebbe piacere anche:

Verso una nuova primavera camminando sulla pietra naturale
Un vialetto in pietra naturale è autenticamente green, necessita di poca manutenzione e può essere totalmente personalizzato per interpretare lo stile e le esigenze dei vostri esterni.
Pietra e legno: la cucina 2024 è naturale e su misura
Autentici, salubri e totalmente personalizzabili, la pietra naturale e il legno portano in cucina la bellezza intrinseca della natura e l’abilità artigianale.
Col Martin: la pietra naturale color Peach Fuzz
Il colore Pantone 2024 ha una sua declinazione totalmente naturale: si chiama Col Martin ed è una roccia calcarea di origine italiana. Duttile, versatile, tattile e biocompatibile, Col Martin è perfetta per interpretare non solo la palette cromatica ma anche il concept di Peach Fuzz.